STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE

“CULTURE TRACKS”

 

Art. 1 Denominazione:

E’ costituita l’associazione culturale denominata “CULTURE TRACKS”.

 

Art. 2 Sede:

L’Associazione ha sede in C.so Vittorio Emanuele n. 352, Pescara

 

Art. 3 Carattere dell’Associazione:

L’Associazione è apolitica, apartitica, ha carattere volontario e non ha scopo di lucro.

L’Associazione è retta dal presente Statuto e dalle norme di legge in materia.

I soci sono tenuti ad un comportamento corretto sia nelle relazioni interne con gli altri soci che con i terzi, nonché nell’accettazione delle norme del presente statuto.

L’Associazione potrà partecipare quale Socio ad altri Circoli e/o Associazioni aventi scopi analoghi, nonché partecipare ad Enti con scopi sociali e umanitari.

 

Art. 4 Durata dell’Associazione:

La durata dell’Associazione è illimitata.

 

Art. 5 Scopi dell’Associazione:

L’Associazione ha lo scopo di promuovere e diffondere le attività culturali in Italia e all’estero, favorendo lo sviluppo, tra i Soci e tra i cittadini democratici, di iniziative destinate alla loro formazione culturale e sociale, tramite l’utilizzo di tutti i mezzi di informazione possibile.

Al centro dell’attività dell’Associazione si pongono lo studio, la ricerca, il dibattito, le iniziative editoriali, la formazione e l’aggiornamento culturale, delle arti e dell’ambiente, dei settori dell’economia, delle relazioni sociali e del tempo libero.

L’Associazione potrà organizzare servizi di volontariato, di assistenza e di supporto alle strutture sociali esistenti.

I Soci potranno usufruire di attività ricreative e di servizi organizzati per favorire la maggior conoscenza ed integrazione sociale.

L’Associazione si propone inoltre come struttura di servizi per altre associazioni, categorie sociali ed enti che perseguono finalità coincidenti, anche parzialmente, con i suoi scopi.

A titolo semplificativo e non esaustivo l’Associazione svolgerà le seguenti attività:

a)      Attività culturali: tavole rotonde, convegni, congressi, conferenze, dibattiti, inchieste, seminari, istituzione di biblioteche, proiezione di film e documentari culturali o comunque di interesse per i Soci, mostre fotografiche, mostre di pittura, scultura e ceramica.

b)      Attività ambientali: studi e iniziative per la tutela e la valorizzazione dei beni ambientali, architettonici, archeologici, artistici e storici.

c)      Attività ricreative: trattenimenti ricreativi di qualsivoglia genere, sia da parte dei Soci che di compagnie esterne; trattenimenti per giovani ed anziani, proiezioni di film e documentari.

d)     Attività associative: incontri e manifestazioni fra Soci in occasione di ricorrenze, festività ed altro.

e)      Attività di formazione: corsi di preparazione e corsi di perfezionamento, in particolare nelle attività artistiche, culturali e sociali, costituzione di comitati, gruppi di studio o ricerca.

f)       Attività editoriale: pubblicazione di atti di convegni, di mostre, di seminari, di studi e ricerche.

g)      Attività di volontariato:

-          Iniziative per il recupero, la catalogazione e la raccolta di materiale vario di interesse storico, culturale, scientifico e sociale, da svolgere a favore di istituzioni pubbliche o di enti privati, sia direttamente che in collaborazione con altri Enti;

-          Supportare iniziative di terzi volte a diffondere la cultura, l’interesse per il patrimonio naturale, la conoscenza e l’apprendimento delle arti;

-          Supportare la Regione, la Provincia e le Amministrazioni locali per la messa in atto di servizi di vigilanza, tutela e valorizzazione del patrimonio artistico ed ambientale.

 

Art. 6 Soci:

Possono essere Soci dell’Associazione le persone fisiche, italiane o straniere, in numero illimitato.

Potranno inoltre essere Soci Enti pubblici e privati.

I Soci si distinguono in Fondatori, Onorari ed Effettivi.

-          Soci Onorari: la qualifica di Socio Onorario è conferita dall’Assemblea a persone eminenti che si sono distinte nei campi di interesse dell’Associazione, nonché a quelle che le abbiano reso significativi servigi. I Soci Onorari sono esenti dal pagamento di qualsiasi contributo; non hanno voto deliberativo nelle Assemblee e non possono essere eletti a cariche sociali.

-          Soci Fondatori: la qualifica di Socio Fondatore è riservata a coloro che sono intervenuti nell’atto di costituzione dell’Associazione.

-          Soci Effettivi: l’ammissione di un nuovo socio, previa proposta da parte di altri due soci, è deliberata dall’organo direttivo a seguito di domanda dell’interessato e del versamento della quota annua di iscrizione.

L’ammontare della quota annua di iscrizione è deliberata dall’Assemblea.

Le decisioni dell’Organo Direttivo in ordine alla richiesta di ammissione sono inappellabili e non comportano obbligo di motivazione.

L’appartenenza all’Associazione ha carattere libero e volontario ma impegna gli aderenti al rispetto delle decisioni adottate dai suoi Organi.

La qualifica di Socio può venir meno per i seguenti motivi:

-          per dimissioni da comunicarsi per iscritto almeno 3 (tre) mesi prima della scadenza dell’anno;

-          con delibera di esclusione dell’Organo Direttivo, per motivi di incompatibilità o per aver contravvenuto alle norme ed obblighi del presente Statuto; a tale scopo l’Organo Direttivo entro il primo mese di ogni anno sociale provvede alla revisione della lista dei Soci;

-          per ritardato od omesso pagamento dei contributi.

 

Art. 7 Organi dell’Associazione:

Organi dell’Associazione sono:

-          L’Assemblea

-          L’Organo Direttivo

-          Il Tesoriere

Tutte le cariche assunte in seno all’Associazione sono gratuite.

 

Art. 8 L’Assemblea:

L’Assemblea dei Soci è l’Organo sovrano dell’Associazione ed è costituito da tutti i soci iscritti, in regola con il pagamento delle quote associative.

Hanno diritto di partecipare all’Assemblea sia ordinaria che straordinaria tutti i Soci: Onorari, Fondatori ed Effettivi.

L’Assemblea viene convocata in via ordinaria almeno una volta all’anno entro il 30 aprile per l’approvazione del bilancio relativo all’anno precedente, per eventuale rinnovo delle cariche sociali e per l’esame e l’approvazione del bilancio preventivo dell’anno in corso.

L’Assemblea può inoltre essere convocata tanto in sede ordinaria che in sede straordinaria:

a)      per decisione dell’Organo Direttivo;

b)      su richiesta, indirizzata all’Organo Direttivo, di almeno un terzo dei Soci Fondatori o Effettivi nel loro insieme.

L’Assemblea nomina un Segretario che assiste il Presidente per le operazioni assembleari.

Le deliberazioni, prese a maggioranza, sono vincolanti anche per i dissenzienti, salvo il diritto di recesso dei singoli Soci.

All’Assemblea spettano i seguenti compiti:

a)      in sede ordinaria:

-          discutere e deliberare sui bilanci consuntivi e preventivi sottoposti al suo esame, nonché sulle relazioni dell’Organo Direttivo;

-          fissare l’entità dei contributi annuali associativi a carico dei soci, nonché le penali per eventuali ritardati pagamenti;

-          deliberare sulle direttive d’ordine generale dell’Associazione, sull’attività da svolgersi nei vari settori previsti dallo Statuto;

-          deliberare su ogni altro argomento di carattere ordinario sottoposto alla sua approvazione dall’Organo Direttivo;

b)      in sede straordinaria:

-          deliberare sullo scioglimento dell’Associazione;

-          deliberare sulle proposte di modifica dello Statuto;

-          deliberare sul trasferimento della Sede dell’Associazione;

-          deliberare su ogni altro argomento di carattere straordinario.

 

Art. 9 Convocazione dell’Assemblea:

Le Assemblee ordinarie e straordinarie sono convocate, con preavviso di almeno 15 giorni, mediante invito a tutti i Soci a cura dell’Organo Direttivo; in casi di urgenza il termine di preavviso può essere ridotto a 8 giorni.

L’Assemblea in sede ordinaria è regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno la metà più uno dei Soci aventi diritto al voto.

L’Assemblea ordinaria di seconda convocazione delibera validamente qualunque sia il numero dei Soci intervenuti.

L’Assemblea riunita in sede straordinaria è validamente costituita sia in prima che in seconda convocazione con la presenza di almeno i 2/3 dei Soci aventi diritto al voto.

E’ ammesso l’intervento per delega da conferirsi per iscritto esclusivamente ad altro Socio; è vietato il cumulo delle deleghe in numero superiore a due e non sono ammessi voti per corrispondenza.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente e, in caso di sua assenza, da persona designata dall’Assemblea.

 

Art. 10 L’Organo Direttivo:

L’Organo Direttivo è costituito da un Consiglio formato dai tre Soci Fondatori ovvero da un Presidente, secondo quanto andrà a deliberare l’Assemblea ordinaria dei Soci.

Qualora sia istituito un Consiglio, il Presidente è nominato, a maggioranza, fra i suoi componenti.

L’Organo Direttivo dura in carica un triennio ed è rieleggibile.

Il Consiglio Direttivo ovvero il Presidente attua le direttive e gli indirizzi d’ordine generale stabiliti dall’Assemblea inerenti le attività da svolgersi nei vari settori previsti dallo Statuto.

Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione di fronte a terzi e in giudizio  nonché davanti a tutte le autorità amministrative e giudiziarie ed ha la firma sociale.

Il Presidente può altresì conferire, sia ai Soci che a terzi, procure speciali o ad negozia per determinati atti o categorie di atti.

Il Presidente sovrintende all’attuazione delle deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo se nominato.

In caso di dimissioni o di impedimento grave, l’Assemblea ovvero il Consiglio Direttivo, se nominato, provvede ad eleggere un Presidente che dura in carica sia alla successiva Assemblea ordinaria.

Le sedute e le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono fatte constatare da processo verbale sottoscritto dal Presidente e da un altro componente che funge da Segretario.

 

Art. 11 Il Tesoriere:

Il Tesoriere cura la gestione della cassa dell’Associazione e ne tiene idonea contabilità, effettua le relative verifiche, controlla la tenuta dei libri contabili e predispone da un punto di vista contabile il bilancio.

 

Art. 12 Libri dell’Associazione:

Oltre alla tenuta dei libri prescritti dalla legge, l’Associazione tiene i libri verbali delle adunanze, degli aderenti e delle delibere assembleari. I libri dell’Associazione sono visibili ai soci che ne fanno istanza, le eventuali copie sono a spese del richiedente.

 

Art. 13 Entrate e patrimonio:

Le entrate dell’Associazione sono costituita:

a)      dai contributi annui ordinari posti a carico dei soci;

b)      da eventuali contributi straordinari deliberati dall’Assemblea in relazione a particolari iniziative che richiedono disponibilità eccedenti quelle del bilancio ordinario;

c)      da versamenti volontari degli associati;

d)     da donazioni, liberalità e lasciti di terzi o associati, contribuzioni volontarie ed elargizioni straordinarie;

e)      da contributi di pubbliche amministrazioni, enti locali, istituti di credito e da enti in genere,

f)       rendite del proprio patrimonio.

I contributi annui ordinari devono essere versati in unica soluzione entro il 30 marzo.

 

Art. 14 Diritti del Socio al patrimonio sociale:

Il Socio che cessi per qualsiasi motivo di far parte dell’Associazione non ha alcun diritto sul patrimonio sociale.

 

Art. 15 Esercizi sociali:

L’Esercizio sociale inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

 

Art. 16 Modifiche statutarie:

Modifiche ed integrazioni del presente Statuto possono essere deliberate solo dall’Assemblea Straordinaria.

 

Art. 17 Scioglimento e liquidazione:

Lo scioglimento dell’Associazione è decretato dall’Assemblea Straordinaria che nomina uno o più liquidatori determinandone i poteri.

Il netto risultante dalla liquidazione sarà devoluto, secondo le indicazioni date dalla stessa Assemblea Straordinaria, ad associazioni aventi finalità analoghe, ovvero per fini di pubblica utilità.

 

Art. 18 Rinvio:

Per tutto quanto non sia previsto dal presente Statuto, si fa rinvio alle norme di legge ed ai principi generali dell’ordinamento giuridico italiano.